112: ambulanza in corsa!

Il 21 aprile 2017  gli addetti della Croce Rossa Italiana  hanno tenuto una lezione alla scuola primaria di Morosolo. Parlando ed interagendo con i bambini, hanno spiegato le regole da seguire in specifici momenti (svenimenti, attacchi cardiaci…), come  e quando chiamare il 112, di cosa è munita l’ambulanza all’interno e quali strumenti utilizzano gli addetti. In seguito, hanno comunicato una notizia esclusiva: una nuova app, “WHERE ARE U”, da utilizzare in ogni luogo che, in caso di emergenza, rileva la tua posizione. Ecco il link per scaricarla:

112 Where ARE U – Android Apps on Google Play .

Scaricala subito!!

 

 

Moroschoolnews: la nascita

L’idea del giornalino scolastico nacque da due bambine: Marta e Matilde in terza elementare che avevano appunto la voglia e il desiderio di creare un giornalino.

L’anno dopo il giornalino, ancora inesistente, era il  principale  argomento delle chiacchiere di classe.

I bambini hanno dovuto aspettare ben due anni, ma, finalmente, in quinta elementare le maestre hanno comunicato che il giornalino sarebbe stato realizzato.

I bambini iniziarono con la visita alla redazione di Varesenews, dove, il caporedattore, fece una bella lezione su come si crea un giornalino on-line.

Qualche mese dopo nella classe quinta arrivò David, un giornalista di Varesenews.

David impostò con loro la prima pagina del giornalino on-line e  insegnò come scrivere un articolo.

Successivamente venne trovato il nome: Moroschoolnews e il logo.

Finalmente i ragazzi avevano realizzato il loro sogno….

il giornalino… 

MORO SCHOOL NEWS

 

MARTA & FEDERICO

Una lezione speciale

Mercoledì 10 maggio 2017 nella classe quinta è venuta la professoressa Zanzi della scuola secondaria di primo grado “Villa Valerio”di Casciago. Ha svolto una lezione di epica, cioè ha raccontato brevemente le storie dell’Odissea e dell’Iliade. Ha spiegato e letto assieme agli alunni la storia di Ulisse che entra nella grotta del ciclope Polifemo.La professoressa, prima di andarsene, ha chiesto agli alunni se avessero domande riguardo alle scuole medie.Le domande sono state tante e la professoressa Zanzi ha risposto molto cordialmente a tutte.Espresse le proprie perplessità ed avendo ricevuto risposte soddisfacenti, gli alunni di quinta si sono sentiti più tranquilli all’idea di cambiare scuola. 

In strada con la Polizia Municipale!

I bambini  di quinta elementare hanno partecipato al progetto di educazione stradale con l’agente di polizia municipale, Alessandro.

Nella prima lezione i ragazzi hanno visto dei video riguardanti le tre regole principali per la sicurezza dei pedoni:

 

  • VEDERE
  • FARSI VEDERE
  • ESSERE SICURI DI ESSERE STATI VISTI

 

Hanno imparato ad attraversare “bene”la strada.

Nella lezione seguente hanno imparato a leggere i cartelli :le loro forme e i loro colori.

Nell’ultima lezione si è parlato della bicicletta e l’agente ha spiegato come comportarsi quando si è in strada.

Dopo un po’ di tempo i ragazzi hanno fatto la prova pratica in strada: le maestre hanno dato ad ogni alunno un foglio di verifica che andava compilato strada facendo.

Ad alcuni bambini è stato concesso di fare la prova pratica di attraversamento pedonale; anche se i ragazzi e l’agente di polizia chiedevano di passare nessun automobilista si fermava, finchè il signor Alessandro  non alzava la paletta obbligandoli così a fermarsi e solo allora li facevano passare!!!

Ai ragazzi questa esperienza è piaciuta moltissimo ed adesso saranno tutti più attenti.

giochi e divertimenti al millepiedi

Il progetto “Millepiedi” è rivolto da qualche anno agli alunni di classe quarta.

Si tratta di un progetto che vuole creare relazioni con un piccolo gruppo di persone disabili, ospiti presso “La casa dell’autonomia” che si trova proprio vicino alla scuola.

La maggior parte dei ragazzi della classe si è divertita, ma alcuni, dicono, si sono un po’ annoiati.

Hanno fatto tanti giochi da circo usando palline, tempere, balletti, teli e organizzato giochi di gruppo.

I ragazzi hanno fatto quattro incontri, uno al mese.

Nel percorso sono stati accompagnati da un ragazzo italo-francese, che li ha fatti divertire molto.